Avevo ragione. (Capitolo 3)

Allo spazio 900 non c’è più spazio.
[youtube
Un orda di ragazzine hanno portato le loro
mamme al concerto di Emma Marrone.
Si perché
la cosa più assurda sono le mamme.

“Mamma non urlare così che mi
vergogno”
Camilla ha una decina di anni, una
canotta fluo, un cerchietto coi brillantini e una mamma per amica.
La guarda con disappunto mentre la vede urlare quando uno sale sul
palco.
Che poi c’ha pure ragione, quello è
il tecnico.
O forse alla mamma piaceva
proprio il manovale, vecchia volpe… messagepart-4
La situazione vista dal prive
rialzato è alquanto singolare e divertente. Con l’Ale (dovete
andare a vedere il suo blog http://www.littlesnobthing.it)osserviamo
divertiti una prevalenza femminile scatenata come l’8 maggio quando
si spogliano i Centocelle Nightmare.
Sono
euforiche, scalmanate, entusiaste.
Sono le
“fan”.
Le “fan”
sono una razza a parte, nascono così. E a volte fanno paura. messagepart-5
Da
piccoline scelgono il loro idolo, come l’imprinting per gli
uccellini e da quel momento, seguono.
Io ho
sempre sognato di avere un idolo, come ho sempre sognato di fare le
cose che facevano tutti i ragazzini della mia età, ma
niente.
C’ho provato, però.
Sceglievo un cantante, uomo o donna poco importava, poi
per un po’ dicevo che ero un grande fan.
Mi
imparavo qualche canzone a memoria, fotocopiando il testo in
ufficio da papà e a fatica ne parlavo all’intervallo con
l’entusiasmo di zio Fester. Una volta ho fatto anche una specie di
collage, perché mi dicevano che il poster fosse importante se sei
fan.
E’ venuto un mix fra un annuncio
funerario e una pubblicità di Pitran uomo taglie forti,
orribile.
Però in realtà ho sempre invidiato
chi riesce ad appassionarsi così tanto alla vita artistica di
un’altra persona.
Ho pure una fan storica. Ha appiccicato il mio faccione
in tutte le pareti della sua cameretta, compreso il soffitto e da
10 anni con una regolarità svizzera mi dà il buongiorno e la buona
notte. Ho calcolato che se contiamo 15centesimi a sms ha speso fino
ad ora circa 10.000 euro. Ma io coi conti faccio schifo quindi
probabilmente ho sbagliato. Lo spero per lei.
So che vi state chiedendo come mai ha il mio numero.
Glielo ha dato mia madre (un genio). Questa ragazza aveva trovato
il numero di casa nostra e chiamava a ripetizione. Siamo arrivati
al record di 40 chiamate. Lì è scattato il “ti dò il suo cellulare,
ma tu mi prometti che non chiami mai più, ok?”
Da allora i suoi buongiorno sono diventati parte della
mia vita, quindi grazie…
Ieri c’erano circa 1000 pazze così.
La situazione era bella carica e io dalla postazione
cubomusica (grazie per l’invito ragazzi) me la godevo come un re
(che cubo!) messagepart
Emma sul palco ci sa stare, lo
sappiamo. Conosce i meccanismi, le parole giuste, i movimenti.
Ironica e divertente (“questa canzone l’ho scritta io e nelle
classifiche va proprio bene. Quindi è proprio vero che tutto può
succedere nella vita”) fa ballare tutti in sala.
Poi ha chiesto il silenzio.
[youtube
Mi è sembrato proprio quel silenzio di cui
parlavo nel post “ehm…ma!”.
Quel silenzio
per crescere, per mostrarsi nella delicatezza della trasformazione,
quel silenzio che io ricerco da un po’ (vedi vecchio post “shhhh”)
e in quel silenzio ha cantato schiena.
Senza
giochi di video dietro, solo una luce, solo lei e la sua musica.
E ho guardato la sua voce coi miei occhi
nelle facce di queste ragazzine ipnotizzate e sognanti, nelle
lacrime solitarie che timide scendevano qua e là sparse fra la
gente, nella dolcezza di una bambina che hanno fatto salire nel
privè e che mi ha chiesto con un timido filo di voce “ci vede
signore?”, nell’abbraccio di Camilla con la sua mamma per amica di
cui ora non si vergogna, in un amico che non vedevo da 10
anni (uno degli autori di amici, ciao Michi) e che ho ritrovato lì,
come ci fossimo salutati ieri…. Perché forse la musica è proprio
questo: ritrovarsi.
E cacchio…quanto mi rode dirlo….mi è
piaciuta.
Ok, che ci posso fare? Mi è
piaciuta.
Mi è piaciuto ritrovarmi anche
nella sua musica.
Mi hanno portato nel
backstage subito dopo il concerto e in mezzo a un capannello di
gente lei che scherzava con un ragazzino mentre gli firmava il
gesso. Anche il gesso lo avrei sempre voluto da piccolo, ma niente,
ho avuto un’infanzia di merda.
“Ciao…”
“So benissimo chi
sei”
“Cominciamo bene…”
E’ stata molto gentile e divertente.
Però su una cosa avevo ragione
io…
messagepart-3 “Come
stai?”
Annunci

26 thoughts on “Avevo ragione. (Capitolo 3)

  1. Eccomi qua.
    Articolo prevedibile e non capire male. Non prevedibile nella forma, quanto nella sostanza. Sapevo che ti avrebbe conquistato. Emma conquista tutti e credo che abbia una sorta di magnetismo, soprattutto su chi non la apprezza particolarmente.
    E’ un’artista particolare perchè io l’ho sempre ritenuta ambigua: è ermetica ma al tempo stesso butta fuori tutto ciò che sente.
    Non è la semplice cantante da talent (sole cuore e amore, piango ogni 2 minuti e banalità simili)
    Sente visceralmente tutto ciò che dice. Perchè per me Emma non canta, Emma parla.
    E quando la senti e te la trovi lì di fronte è impossibile non comprendere ciò che ti sta dicendo. Entri nel vortice delle sue emozioni e te le passa: che sia gioia, dolore, tristezza, noia.
    E’ un cordone ombelicale e una dipendenza quasi.
    Quindi articolo davvero bello, come sempre ^_^

  2. Insomma ti sei convertito a ehm…ma… Mi toccherà ascoltare Schiena. Lo farò a completamento della lettura del tuo articolo. Perché merita. Meriti.
    In ogni caso mi ha emozionato leggere delle ragazzine e delle mamme, insieme a urlare e piangere per il loro “idolo”. È vero che le (anche i) “fans” sono un popolo a se stante. Ad una veneranda e venerabile età sono pure io diventata “fan”, tutt’altro genere, ma la gioia, l’emozione, la consapevolezza di far parte di una magia, credo siano gli stessi. I “fans” sono migliaia di cuori che battono all’unisono e si capiscono con un battito di ciglia. E una lacrima. Di gioia.
    Grazie ancora una volta per le tue parole.

  3. sono una tua lettrice da quando ti ho “ri-trovato” … come stai? …è una domanda che spesso mi fanno a volte cinguetto come un uccellino “benissimo” … altre volte vorrei rispondere “domanda di riserva??…” ma rispondo cinguettando un po’ meno “bene grazie”…. penso che questa domanda sia la più intima che ti possano fare…perché nasconde il tuo essere più profondo…. il darsi sotto tutti gli aspetti …. e a volte hai paura di dire come stai veramente …. ma se si sta attenti …. un po’ come l’uccello sul ramo(detto prettamente romagnolo) …sai esattamente come sta una persona ….. basta guardarla oltre gli occhi….. 🙂

  4. Ciao!!!Sono una trentenne spagnola (di mamma romana), ho letto i 2articoli dove parli di Emma…ti ha conquistato! Ahahah non avevo dubbi!.
    Io l’ho conosciuta a Sanremo quando ha cantato con i Moda,e mi è piaciuta la sua grinta e il modo di cantare,poi ho cominciato a informarmi e a seguirla.
    Lei è una ra Ciao!!!Sono una trentenne spagnola (di mamma romana), ho letto i 2articoli dove parli di Emma…ti ha conquistato! Ahahah non avevo dubbi!.
    Io lo conosciuta a Sanremo quando ha cantato con i Moda,e mi è piaciuta la sua grinta e il modo di cantare,poi ho cominciato a informarmi e a seguirla.
    Lei è una ragazza forte e molto sensibile,per proteggersi,per anni,ha portato una corazza e si è mostrata aggressiva…adesso si vede che è serena,più sicura,felice e si mostra più tranquilla.
    Complimenti per i due articoli. Tutti posso cambiare idea.
    Scusa se ho scritto con qualche errore,io l’italiano non l’ho studiato,scrivo come parlo! 😉

  5. e boh leggerti e passare da una sonora risata..sorrisi…pensare cavolo se è cosi quamdo dici che la musica e ritrovarsi..cmq .in particolare a seguire voi di “amici” uno si affeziona alla persona oltre che all artista.

  6. Ehhhh, io te l’avevo detto che Schiena era una Perla!!
    Complimenti per l’articolo, sempre molto attento ai particolari..sono i dettagli che fanno la differenza e tu li cogli sempre! Bravo!

  7. E anche l’articolo sul concerto di Emma è arrivato.. Fantastico come sempre riesci a far vivere le tue esperienze anche ai tuoi lettori.. Speriamo che Emma legga anche questo tuo post e ti sappia dire cosa ne penserà..
    Grazie per il tuo post e complimenti 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...