9.999 grazie

Il risveglio non è stato dei migliori.
 
Marco, da Parigi, mi manda l’ultimo numero di Vogue Paris, con una pagina dedicata a Francesco.
Un saluto da parte del suo mondo lavorativo.
Sincero, di cuore, come sono stati  loro in tutto questo periodo assurdo.
.
.
Tutto torna in un attimo alla mia mente.
Tutto il dolore, tutta la mancanza che sento ogni momento.
Tutti quei giorni di limbo passati laggiù.
Tutto il vuoto.
Francesco riempiva la vita, a tante persone.
Magari anche con una telefonata di cinque minuti.
Ma il modo in cui riusciva a parlare e ridere contemporaneamente, sminuzzando le parole, frastagliandole con singulti, ti portava il sole anche in una giornata di grigio.
.
Ancora non riesco a descrivere quel giorno, quella telefonata.
Quel momento in cui mi sono staccato dal mondo, dalla realtà per poi ricaderci rovinosamente.
Quel macigno nel cuore, quel sussurro di Mara  “Paolo devo dirti una cosa, siediti”
.
Il mio cuore si è spaccato con tre parole.
Che non riesco a scrivere. Per ora.
Piango anche ora mentre lo scrivo.
Mentre Viola mi sta facendo il caffè.
Nel mio bar, fra le mie cose, i miei “buongiorno biondo”.
.
È un dolore che non passerà, che non voglio che passi.
È un compagno di viaggio ormai.
Mi farà sempre meno male, sara sempre più presente.
Perché il mio cuore si è spaccato, solo per fare entrare amore.
.
L’amore e la morte sono forse la stessa cosa. Almeno per me.
.
Da quel sei ottobre tutto è cambiato. Io sono un’altra persona.
Non lo capisco osservandomi, ma osservando gli altri.
Il modo in cui si avvicinano, in cui mi parlano, si confidano.
.
Viola si volta ” biondo che è? Tutto zitto oggi?”
“Scrivo Viola, per il blog, ma ho quasi finito!”
Mi tiene d’occhio, capisce col cuore. E con una frase mi abbraccia.
.
Ricevo mail meravigliose tutti i giorni, ringrazio ogni singola persona, ogni singola parola, ogni nota delle canzoni che mi spedite.
Il mio essere in questo mondo ha assunto significati diversi.
Non me ne frega più molto di foto,feste e tappeti rossi.
Ma allo stesso tempo non vedo l’ora di rifarli, in modo totalmente diverso.
Ora sono le persone il mio centro.
Anche su un tappeto rosso, anche per strada, anche da solo.
.
L’essere umano è un’invenzione incredibile.
Quello che c’è là dentro, quello che possiamo scambiarci è rivoluzionario.
.
Io vedo il cambiamento di tante persone accanto a me.
Riesco a oltrepassare la maschera, il primo strato, le persone mi arrivano al cuore.
Ogni tanto leggo delle mail e mi commuovo.
Possiamo fare così tanto senza alcuna fatica.
.
Qualcuno mi ha scritto che si riconosce nelle mie parole, che spesso quello che scrive è molto simile ai miei pensieri, ma che non se la sente di pubblicarlo perché verrebbe deriso dagli amici.
Anche io l’ho pensato. In passato.
Poi questo evento così destabilizzante mi ha scolpito nella mente a lettere di fuoco…e sti cazzi!
Io ho avuto bisogno di scrivere, di spogliarmi con ferocia delle mie difese, di farmi fluire la vita per com’è in questo momento.
E non chiedo il permesso a nessuno.
Questa onestà dell’anima a volte può dare fastidio.
Io non ho alternative.
Quindi prendere o lasciare.
.
Grazie a tutti quelli che prendono, e non lasciano.
Grazie a quelli che cambiano insieme e a me.
Grazie a chi mi fa crescere.
Grazie alla morte.
Grazie all’amore.
.
Detto questo vorrei un attimo riportarvi a me. A com’ero prima.
Un po’ superficialotto, piuttosto divertente, caruccio se vogliamo, concentrato su lavoro e carriera, a volte stupido.
.
Tutto è cambiato.
Tranne la stupidità.
.
 Ma dato che magari quella, su questo blog, passa di meno e io invece ne sono un fedele sostenitore ho deciso di farvela conoscere.
.
Il blog è arrivato in poche settimane a un incredibile numero di visite.
10 000.
.
Al  10’000 cliente di euronics regalano un televisore.
Al 10’000 visitatore di mirabilandia un ingresso omaggio.
.
Al mio 10’000 lettore io regalo un video.
Una specie di sigla del mio blog.
Che faccia vedere quanto sono anche stupido.
E quanto mi piaccia esserlo.
.
Considerati il numero 10’000..e a tutti i 9’999 grazie. Di cuore.
Tornando a casa, dopo aver fatto questo video (un pomeriggio da disturbati mentali con Marina Guja e Tommy) ho trovato questo.
Trovo amore per strada. Ogni giorno.
Grazie.
ps questa la traduzione dal francese dell’articolo che Vogue Paris ha dedicato a Francesco.
“…era sufficiente che spingesse la porta perchè la redazione cominciasse ad avere un ritmo italiano , quello del suo paese. Tra due appuntamenti, due sfilate e due servizi fotografici, il suo accento solare e il suo umorismo educato illuminavano l’atmosfera di Vogue e di Vogue Hommes International. Arrivato a Parigi da 5 anni,dopo i suoi studi all’istituto europeo di design a Milano e un soggiorno newyorkese, diventa redattore di moda e assistente di Anastasia Barbieri. Francesco amava la moda come fosse la sua famiglia,con una tenerezza viscerale,una passione piena di allegria.Francesco amava anche le caramelle , Beyonce e i soprannomi di ogni tipo.Formidabile nel creare uno styling.Non aveva pari nel reinventare una giacca con un paio di forbici, per dare valore al nodo di una cintura giallo canarino . Gli esperti del settore non si sono sbagliati invitandolo nel cerchio esclusivo di _rares_- stylist maschile dove i blog entravano in competizione per avere in esclusiva le sue immagini. All’inizio dell’autunno Francesco se n’è andato, la sua scomparsa brutale e ingiusta ha scosso i suoi colleghi, i suoi amici e tutti coloro che hanno avuto la fortuna- ed è stata una fortuna- di lavorare con lui. Alla crudeltà della mancanza associamo la tenerezza dei nostri ricordi e tutta la ricchezza dei momenti – a volte lunghi, a volte fugaci- passati con lui e impossibili da dimenticare .Ciao Francesco”
Advertisements

17 thoughts on “9.999 grazie

  1. mi sono ritrovata nelle tue parole, commoventi… poi d’un tratto un video davvero divertente e .. semplice, come le tue parole, come il nuovo te sul tappeto rosso! bravo Paolo!

  2. Ciao Paolo, ho scoperto solo adesso l’esistenza del tuo blog, mi spiace non averlo fatto prima. Ho letto questa piccola pagina, mi ha commosso e riportato allo stesso tempo a riflettere sulla “frenesia” della vita, su quanto non si è mai contenti di ciò che si ha (facevo una riflessione su me stesso, analizzandomi). Potrebbe sembrare una frase fatta, una di quelle stupedamente d’effetto, sarebbe bello però un giorno riuscire a non aver timore dei giudizi, delle critiche della gente, o meglio ancora riuscire ad essere sempre e comunque se stessi…Tu ne sei un esempio, ed è bello sapere, che riuscirci nn è impossibile. Grande Paolo…!!! una abbraccio, Fabrizio

  3. Qualcuno mi ha detto che chi amiamo non se na va mai, resta sempre con noi.I gesti, i sorrisi, le risate. tutto resta.Perfino la voce.Si proprio quella, quel suono che senti dentro ma che non riesci a proiettare fuori.E allora ti assale la paura di perderla, di svegliarti una mattina e non ricordare più quel suono.
    Eppure caro Paolo, ti assicuro che resta. Resta tutto, tranne il corpo.L’essenza resta, l’amore resta.
    La morte non è mai una fine ma un nuovo inizio.
    Mi piace pensare che lassù avevano bisogno di uno stylist che sistemasse un po’ il look degli angeli….
    Ti abbraccio forte forte caro Paolo.
    Asciuga le lacrime, sorridi al cielo. E ti stupirai quando vedrai che vedrai il suo sorriso tra i raggi di luce…
    big hug.
    Maggie

  4. Grazie a mia sorella ed una amica , ho scoperto il tuo blog…..meno di un anno fà ho perso il mio ragazzo..e con lui ho perso anche me stessa…Ammiro la tua forza e l’ottimismo con cui , nonostante la dura prova alla quale sei stato sottoposto , affronti la vita , ammiro il fatto che riesci ancora a provar gioia e stupore in un tramonto , guardando il mare ,la gente passeggiare…insomma per le piccole cose….io non sento più nulla , nessun emozione , nulla mi stupisce…Sopravvivo coscientemente di farlo….spero di riuscire anke io un giorno ad assaporare la Vita…e a riscoprire il suo gusto Unico

    • Quando capisci che anche quello che ti è successo,per assurd,o è per il tuo bene si ricomincia a vedere tutto il bello che ci circonda. E quando riusciremo a ringraziare per quello che ci è successo saremo dei grandi. Ti abbraccio p

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...